Sider Alloys, bene sul prezzo della corrente - Radio Internazionale News

News
Vai ai contenuti

Sider Alloys, bene sul prezzo della corrente

Sider Alloys:  Solinas  stamane a Villa Devoto,alla riunione hanno partecipato anche consiglieri regionali del territorio e una delegazione di sindaci.


“Abbiamo sempre sostenuto il percorso di riavvio del ciclo produttivo dello stabilimento di Portovesme. La Sardegna detiene l’unica filiera della metallurgia non ferrosa rimasta nel Paese e la Regione nel tempo ha messo in campo risorse perché ci sia questa ripresa con la salvaguardia dell’occupazione. La firma del contratto d’accordo sul prezzo dell’energia rappresenta quindi un tassello fondamentale. Chiediamo adesso alla proprietà dell’azienda - che convocheremo al più presto - di riavviare immediatamente gli impianti coerentemente con un piano industriale credibile”. Lo ha sottolineato il presidente della Regione Christian Solinas nel corso dell’incontro con i rappresentanti sindacali dell’azienda avvenuto stamane a Villa Devoto. Alla riunione hanno partecipato anche consiglieri regionali del territorio e una delegazione di sindaci.
“Il costo dell’energia è sempre stato il vero nodo nella competitività delle produzioni di alluminio della Sardegna. La riunione odierna con i sindacati serve per capire, prima di un incontro con la proprietà, quale sia il cronoprogramma effettivo per la ripresa in maniera tale da non generare false aspettative ma pretendere con fermezza che entro l’anno si riparta”, ha affermato il presidente che ha evidenziato: “potremo dire che i posti di lavoro sono salvi solo nel momento in cui il ciclo produttivo entrerà nuovamente in funzione e ci sarà quindi una prospettiva industriale vera per questo polo strategico delle produzioni industriali non solo sarde ma dell’intero Paese”.
Il presidente Solinas ha anche affermato che “la Regione continuerà a sostenere, anche nelle sedi ministeriali e col Governo, le legittime richieste dei lavoratori e di un territorio che chiede di avere una prospettiva di crescita e sviluppo”.
Voto: 0.0/5
Torna ai contenuti