La coperativa di Golfo Aranci va avanti - Radio Internazionale News

News
Vai ai contenuti

La coperativa di Golfo Aranci va avanti

Acquacoltura e Ambiente in Sardegna, il comitato spontaneo ha aperto una questione Regionale: Golfo Aranci, La Maddalena e Alghero tutti contro gli allevamenti.



Diventa sempre più centrale il tema sollevato dal comitato spontaneo Salviamo la costa di Golfo Aranci che dal luglio 2020 porta avanti una battaglia civica per difendere e salvaguardare il proprio mare. Uno specchio d’acqua adiacente alla Zona di Protezione Speciale e individuato dalla Regione Sardegna come luogo per la concessione di un impianto estensivo per l’allevamento di cozze e ostriche.Dopo il caso Golfo Aranci - nato e curato dal comitato spontaneo fatto di giovani del paese, che hanno organizzato azioni e manifestazioni, raccolto pareri di specialisti e 48.000 firme da tutta Italia, costruito una campagna di comunicazione efficente che ha acceso una luce sul caso attraverso diversi testimonial e proiettato il problema sull’opinione pubblica nazionale - anche Alghero, tramite 4 consiglieri e La Maddalena tramite il Parco cercano di bloccare le concessioni permesse dalla RAS.Un caso diffuso che allarma diverse comunità dell’isola e che si intreccia con l’ implementazione in diverse aree marine di un più ampio progetto – chiamato Ostrinnova – per rendere la Sardegna un nuovo punto di riferimento per l’allevamento dell’ostrica “Cassiostrea Gigas”.Un tipo di allevamento sperimentato già in Francia e in Italia da qualche anno e che nei primi mesi 2020 ha subito uno stop di produzione e vendita per la rilevazione di 179 focolai di tossinfezioni alimentari che hanno coinvolto 1.033 persone. Dal 9 gennaio anche l’Italia ha notificato al sistema di allerta della Commissione Europea un possibile focolaio di intossicazione legato al consumo di ostriche crude di origine francese (Crassostrea gigas).  Nella laguna di Venezia da fine gennaio si lotta contro la moria di ostriche francesi causata dal virus OsHV-1.Intanto a Golfo Aranci la Cooperativa intende andare avanti nonostante la contrarietà della comunità.Il caso golfarancino non è ancora chiuso.  Il comitato ha cercato più volte di interloquire con la Regione Autonoma della Sardegna, ente decisionale sul processo di concessione dell’impianto di molluschicoltura,  sin dal principio e senza ricevere alcuna risposta.
Voto: 0.0/5
Torna ai contenuti